Nasce un bambino con tre peni, il primo caso al mondo di trifallia

SCIENZA

Il caso arriva dall’Iraq ed è stato segnalato in uno studio pubblicato sull’International Journal of Surgery Case Reports. I genitori lo avevano portato in ospedale per un gonfiore, poi la scoperta. Il piccolo è stato operato e ora sta bene.

Un caso medico senza precedenti è stato segnalato dai medici di Duhok, in Iraq: un bambino è balzato alle cronache di tutto il mondo perché è nato con tre peni, rarissima malformazione anatomica dei genitali, chiamata trifallia. La notizia, pubblicata tra gli altri anche dal New York Post, è emersa a seguito di uno studio pubblicato sull’International Journal of Surgery Case Reports. I genitori del piccolo inizialmente lo avevano portato in ospedale a causa di un gonfiore allo scroto. Quando è stato visitato dai dottori si sono accorti appunto della presenza dei tre peni: uno era lungo due centimetri, posizionato alla radice del pene principale, mentre l’altro era di un centimetro circa, sotto lo scroto. “Per quanto ne sappiamo, questo è il primo caso certificato di trifallia”, ha scritto il Dottor Shakir Saleem Jabali nello studio in questione.

Trifallia, primo caso al mondo

I medici hanno effettuato dei controlli mirati per capire se il bambino fosse stato esposto a farmaci durante la gravidanza o se avesse una storia familiare di anomalie genetiche, ma tutti hanno dato esito negativo. A quel punto, considerato il fatto che solo uno dei tre peni aveva un’uretra, hanno rimosso chirurgicamente gli altri due. Inoltre hanno affermato che uno su cinque-sei milioni di ragazzi nasce con più di un pene, ma questo caso al momento è davvero unico al mondo. I casi di difallia, due organi, sono un po’ più frequenti, ben 100 casi registrati in tutto il mondo (la frequenza è di 1 su 5,5 milioni di ragazzi negli Stati Uniti). Il bambino, visitato nuovamente a distanza di un anno, sta benissimo.

Inserisci il tuo commento